Il sarchiapone americano

Il sarchiapone americano

Dicesi sarchiapone un particolare tipo di tabacco americano che solo Francesco ha fumato in vita sua. Noi invece no. A lui gli arriva col postale via mare, di notte quando tutti dormono, perché da troppo tempo è molto amico di quelli che tengono il “druggestore”, a Boston. Il sarchiapone americano è – insomma – una vera prelibatezza, una ghiottoneria raffinata, difficilissimo da raggiungere e che non si può neppure descrivere da quanto è buono da fumare ma! – se proprio volessimo provare a dire che sapore ha – allora potremmo dire che sa di pomodo… no, di pomodoro no; diciamo allora che assomiglia a quella salsa ross… no, non rossa. Forse è un po’ per davvero complicato descriverlo. Comunque è molto buono. E poi, per dirla tutta, non è mica questo che conta soltanto. Ancora un’altra cosa è più importante, e viene prima, ed è che il sarchiapone americano non è mica che lo puoi fumare in una pipa qualsiasi. Eh no, accipicchia! 

Per fumarlo come si deve ci vogliono delle pipe speciali, da sarchiapone, che danno il meglio di sé stesse solo ed esclusivamente con il sarchiapone americano, mentre con quello asiatico vanno un po’ meno bene. Allora pure queste pipe solo Francesco riesce a procurarsele perché da troppo tempo è molto amico dell’artigiano che le fa. Noi invece no. Assomigliano, ‘ste benedette pipe, a una specie schiacciata di pomodo… no, di pomodoro no; diciamo allora che assomigliano a non si può bene dire cosa perché sono per davvero troppo originali nella forma. Praticamente, per degustarlo, il procedimento è il seguente: si mette il sarchiapone dentro la pipa da sarchiapone (americano) e poi si accende. Buonissimo! Una cosa mai provata prima! Roba che Francesco, da quando l’ha provato, non riesce più a fumare nessun altro tabacco in nessuna altra pipa! Invidiosi eh?

La citazione video d’annata è scontata: tre divertenti minuti di Walter Chiari, Carlo Campanini e Ornella Vanoni (1974). Il video completo dello sketch lo trovate su YouTube.

Rispondi