Segnali di fumo

segnali di fumoIntervengo brevemente – anzitutto – per porgere i migliori auguri di Buona Pasqua ai miei dieci abituali lettori. E’ un periodo questo che mi vede, professionalmente parlando, particolarmente impegnato e la cosa è destinata ad andare avanti così almeno fino a metà maggio dopodiché, mi auguro, dovrei avere nuovamente tempo da dedicare al glossario – che devo ancora terminare – ed anche al sito che auspico di potere arricchire con articoli e testi maggiormente interessanti e corposi (ma che richiedono necessariamente più tempo).
A proposito di quest’ultimo da pochi giorni sto sperimentando un nuovo widget sulla sidebar dello stesso, intitolato “Segnali di fumo”.
Il titolo riprende ovviamente la rubrica che veniva a suo tempo pubblicata dalla rivista Smoking (curatore: Paolo Guidi). Segnali di fumo era, originariamente, una raccolta eterogenea che mescolava al tempo stesso bizzarrie, fatti storici e di stretta d’attualità legati al mondo del fumo lento. Non veri e propri articoli, quindi, ma succinte cronache ricche di spunti difficilmente reperibili altrove.
Nel riproporla qui, io procedo selezionando arbitrariamente dalla rivista i trafiletti che mi paiono essere, di volta in volta, più curiosi anche per il lettore di oggi. Da un punto di vista funzionale il widget si ricarica automaticamente ogni 60 secondi proponendo un nuovo trafiletto scelto in modalità casuale da un archivio che, dietro le quinte, pian piano rimpinguo di contenuti. Spero l’idea risulti gradita anche se, ed è ovvio per quanto sopraddetto, vi troverete ad imbattervi occasionalmente in delle ripetizioni dei medesimi trafiletti. Concludendo questo mio post, a neppure tre mesi dal primo datato 11 gennaio, mi pare di poter affermare che – pian piano – il nuovo fumodipipa.it stia prendendo una sua specifica forma se non altro originale e di piacevole integrazione ai contenuti già presenti sul web pipario; il mio augurio, tuttavia, rimane quello che qualcuno senta nascere in se il desiderio e la voglia d’arricchirlo ulteriormente contribuendovi personalmente e, magari, anche mettendo a disposizione materiale che io non possiedo. A presto!

Condividi:

2 Comments

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *