Le Capostipiti Formali a Somma Zero (parte 3)

capostipiti formaliUltima premessa: con questo post si va a concludere la presentazione del gioco che ho inventato per aiutarmi nella creazione delle 13 Capostipiti Formali a Somma Zero derivate dalle altrettante ottave di Paolo e da lui già proposte nel forum il Ritrovo Toscano della Pipa. Dopodiché, quando in futuro tornerò sull’argomento, sarà finalmente (!) per presentare i miei modelli di pipe, frutto delle mie elucubrazioni, speriamo non troppo malsane e – anzi – almeno un pochino divertenti.

Le Capostipiti Formali a Somma Zero – Liberamente ispirato ai versi dell’amico Paolo l’Autore enuncia il metodo ed immagina 13 pipe per 13 simboli.
1 – Introduzione

Le regole sono ciò che gli artisti rompono. Incontestabile verità questa ma, l’Autore del progetto, ha ben poche velleità artistiche e, nella prima e nella seconda parte, per aiutarsi ad indirizzare consapevolmente le proprie scelte si è prodigato nel costruire una sorta di scacchiera formale spiegandone le logiche che la governano. L’improbo compito di dare forma alle 13 Capostipiti Formali nasconde insidie più o meno evidenti ed è latente la possibilità di perdersi nei meandri d’infinite suggestioni creative correndo il rischio così di mancare uno degli obbiettivi che qui si ritiene di maggiore interesse per l’appassionato di pipe anche nelle sue vesti – affatto secondarie – di collezionista: dare organicità, senso d’insieme e di compiutezza al progetto. Una volta stabilito il metodo, insomma, si tratta infine di misurarne l’elasticità e l’adeguatezza allo scopo.

2 – Le Capostipiti Formali: dall’allegoria al simbolo

Citando Paolo: “Le Capostipiti Formali sono di mia invenzione, ricavate da un libro mostruosamente nemico di ogni andazzo” e – per ora – non riporteremo altro sennonché le 13 di lui elette sono titolate nel seguente modo:

  • Cucchiaio (pala)
  • Coppa (bicchiere)
  • Camino (forno, comignolo)
  • Mortaio
  • Alambicco
  • Bestiola (cane)
  • Pentola
  • Strumento Musicale
  • Cesta (sporta, cornucopia)
  • Cazzuola
  • Arma
  • Uomo
  • Punto di Domanda

Risulterà chiaro ai lettori, ancor prima di addentrarci nelle ottave dell’amico Paolo, che l’Autore del presente progetto si è trovato dinnanzi al non immediato compito di convertire 13 immagini di natura allegorica in altrettanti – più solidi e meno arbitrari – simboli. Ai fini pratici del progetto, chi scrive, ha ravvisato infatti la necessità di decodificare ogni singola allegoria rendendo più convenzionale il legame tra oggetto significato ed immagine significante. Ultimo, ma non per ultimo, il mai celato desiderio dell’Autore di riuscire ad ipotizzare, attraverso il metodo proposto, 13 pipe che siano anche funzionali al loro scopo originario: permetterci di consumare, confortevolmente, il nostro benamato tabacco!

3 – L’unica regola del gioco

Dunque ci siamo, quasi: è stato delimitato il campo d’azione, esposto il metodo procedurale e descritta la missione da portare a compimento. L’ultimo – ma fondamentale – tassello mancante è il nostro gentlemen’s agreement: il patto da sancire tra chi legge e chi scrive. L’Autore, ed i più attenti l’avranno già capito, ha scelto di orientare il proprio sforzo creativo puntando diritto ed in maniera ostinata verso le pipe che danno somma zero ed è per questa ragione che le Capostipiti Formali di Paolo sono qui diventate le Capostipiti Formali a Somma Zero dell’Autore. Che sia per capriccio o divina ispirazione, detto tra di noi, ha veramente poca importanza: si tratta di darsi una regola – perché altrimenti non vi sarebbe né alcun gioco né alcuna sfida, ma soltanto infinita e febbricitante casistica – e la regola scelta è quella di procedere rendendo concretamente visibili al lettore 13 pipe che, al tempo stesso, siano non solo ispirate dalle figure allegoriche dell’amico Paolo ma anche pipe-simbolo la cui risultante complessiva, nella nostra scacchiera fatta di celle e valori, sia pari a zero. Ed ora, che finalmente abbiamo veramente tutto il necessario per giocare, che la partita abbia inizio!

Arrivederci alla prima pipa!

Condividi:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *