Riposo

riposo
Pipe a riposo nella loro rastrelliera.

La pipa deve avere i suoi periodi di riposo, bisogna darle il tempo di asciugarsi completamente perché ogni fumata la impregna di umori. Ecco perché si deve possedere e usare più di una pipa. La fama della pipa puzzolente è nata quando si fumava in una sola, sempre quella, senza darle il tempo di asciugare e magari senza mai pulirla. Quando e quanto deve riposare? Dopo tre-quattro fumate successive (sempre intervallate per il raffreddamento): questo per il quando. Sul quanto è diffìcile essere precisi. In genere una curva esige riposi più lunghi, e altrettanto si dica di una con molto legno. Due-tre giorni sono già una buona media, ma qualche pipa pretende una settimana per riacquistare il suo equilibrio fisico e chimico. Meglio sempre riposi lunghi. La pipa a riposo non va tenuta in scatole o cassetti, deve avere aria (questo non significa metterla all’aperto).

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *