Raganella

raganella
Nell’immagine una pipa Non Canta La Raganella.

Raganella è una marca di pipe “resuscitata” che ha dietro una lunga storia. Risale infatti alla fine dell’Ottocento la fabbrica fondata da Alcide Duranti a Castelfidardo e spostata poi a Loreto sempre nelle Marche. Una grande fabbrica che è arrivata ad avere un centinaio di operai. Subentrata la famiglia Gandolfi, dall’ultima guerra in poi l’azienda ha subito un progressivo calo di produzione fino a che l’ha rilevata Otto Braun. La famiglia Braun, di origine tedesca, è in Italia dal 1840 e dal 1875 ha sempre commerciato radica, con grandi magazzini a Livorno cui la materia prima affluiva da tutto il bacino mediterraneo e da cui partivano abbozzi per le più importanti fabbriche del mondo. Ora Ulli Braun, figlio di Otto, si occupa della fabbrica di Loreto. Curiosa la storia del nome. La pipa si chiamava infatti “Non canta la raganella” perché aveva un sistema brevettato che eliminava il gorgoglio. Consisteva in un doppio foro, uno per il condotto del fumo e l’altro per la raccolta della condensa, e nel perno del bocchino tagliato in sezione trasversale in modo che la condensa stessa precipitasse nel piccolo serbatoio. Il doppio canale comportava un elevato spessore del cannello e questo è stato ritenuto non compatibile con l’evoluzione delle forme, tanto che oggi il sistema viene applicato a poche pipe.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *