Prove

prove
Nell’immagine alcune giare con miscele di tabacchi sciolte.

Quando si fanno miscele di tabacco per pipa è meglio procedere sempre con delle prove. Conviene provare con piccole quantità prima di passare alla preparazione definitiva. Per giudicare un tabacco, è bene provare a fumarlo in due pipe diverse. Per constatare il grado di umidità del tabacco, basta stringerne un pizzico fra le dita: se resta applicato, a pallottola, vuol dire che è troppo umido. L’umidità del tabacco in vaso si prova anche premendone leggermente la superficie con il pugno. Se resta attaccato alla pelle soltanto qualche filamento, l’umidità va bene; se scaglie e filamenti sono molti, allora il tabacco è eccessivamente umido e conviene lasciare il vaso senza coperchio per qualche ora, o addirittura stendere il tabacco all’aria. Se non resta attaccato niente al pugno, il trinciato è troppo secco e bisogna aggiungere acqua all’umidificatore del vaso.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *