Fondiglio

fondiglio
Nell’immagine cenere e residui in parte incombusti (fondiglio).

Il fondiglio è ciò che rimane nel focolaio (o fornello) della pipa a fumata conclusa, cioè un misto di cenere e tabacco non bruciato o bruciato solo parzialmente. È piuttosto raro, infatti, che resti soltanto cenere. C’è chi insiste a fumarlo, vincendo il disgusto che dà una materia impregnata di umidità, di nicotina e di catrami. Dice di farlo per favorire la formazione di crosta sul fondo del focolaio; ma spesso c’è, dietro, un animo sparagnigno, che non vuol buttare via niente. È consigliabile, invece, buttarlo; ed è consigliabile rimuoverlo subito (con il cucchiaino o la spatola del curapipe) perché la pipa non si impregni, a sua volta, di umidità e di tutto il resto. Eliminato il fondiglio, inoltre, la pipa asciuga più presto.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *