Flavouring

flavouring
Nell’immagine aromatizzatori per operazioni di profumazione delle miscele casalinghe.

Con il termine inglese flavouring s’intende l’ultima operazione nella lavorazione dei trinciati per pipa. Per completare l’aroma di una miscela o per darle un aroma particolare, il tabacco, già conciato e tagliato, è posto in cilindro rotante entro cui si spruzzano sostanze aromatizzanti. Gli americani lo chiamano anche top dressing. È il tocco finale, destinato soprattutto a dare il profumo che si sprigiona quando si apre la busta o la scatola. Questa profumazione (così si chiama in Italia) è ottenuta con prodotti che contengono un solvente volatile a base di alcol. Si usano cacao, vanillina, mentolo, rum, estratti di frutta, liquerizia, balsamo del Perù, geraniolo, balsamo di Tolù, essenza di chiodi di garofano, essenza di cinnamono; anche essenza di tabacco, in qualche caso. L’operazione conferisce al trinciato la sua personalità, meglio l’identità che risulta al fumatore. Ogni produttore ha le sue ricette, ovviamente segrete.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *