Filtri

filtri
Nell’immagine vari tipi di filtri per pipa.

Per la pipa di filtri ce ne sono di semplici e composti, di carta, di metallo, di paglia, di legno di balsa, tubetti con carbone attivo e altri assorbenti, cartucce con silicati; ci sono sistemi a spirale o a serpentina; e così via. Tutti intesi a trattenere catrami e nicotina e, in qualche caso, anche a raffreddare il fumo. Quasi tutti i filtri rispondono allo scopo, con maggiore o minore efficacia. Accettarli o respingerli è una scelta dettata da preoccupazioni per la salute o da semplice gusto. Il filtro divide in due schiere contrapposte i fumatori di pipa, forse con esagerazioni da una parte e dall’altra. In Germania, per esempio, è molto diffuso il filtro da 9 millimetri e quindi la maggioranza delle pipe destinate ai fumatori di quel paese hanno un alloggiamento che lo possa contenere. Per i “puristi” (chiamiamo così gli odiatori del filtro) questo snatura la linea della pipa. Altra colpa imputata ai filtri è quella di conferire al fumo sapori metallici o chimici. Questi “puristi” sostengono che il cannello di una canadese (di legno, quindi assorbente e lungo) “trattiene” almeno quanto un filtro. Alcuni produttori forniscono le pipe già dotate di un tubicino senza alcun pregiudizio per la pipa (diverso il discorso per gli alloggiamenti da 9 millimetri, ma basta non prendere in considerazione queste pipe, se proprio si detesta il filtro).

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *