Fermentazione

fermentazione
Nell’immagine sigaraia lavora il tabacco Kentucky, notoriamente fermentato.

Trattamento cui sono sottoposti, dopo la cura, i tabacchi orientali e quelli scuri curati ad aria, più pesante per questi ultimi. Gli altri tabacchi non sono fermentati e anzi subiscono modificazioni non accettabili (per il loro tipo) se si permette o si provoca l’innesco di un processo fermentativo. Massa e umidità sono sufficienti ad avviare il processo, durante il quale si sviluppa calore, in qualche caso elevato. La fermentazione – nei tabacchi che la esigono – elimina ammoniaca, riduce il tasso di nicotina, arrotonda il gusto. Nella preparazione del Cavendish per pipa si provoca una seconda fermentazione, breve e controllata.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *