Caricare

caricare
Nell’immagine una pipa viene caricata di tabacco.

Caricare una pipa correttamente vuol dire buon tiraggio e, di conseguenza, fumata soddisfacente. Il tabacco si mette nel fornello a piccoli pizzichi: i primi semplicemente deposti, gli altri via via più premuti. Con un’ultima premuta si pareggia la superficie che è bene non superi in alcun modo l’orlo del fornello, neanche con qualche filamento. I tecnici danno un paio di tirate a pipa spenta per accertare quale resistenza offra la carica di tabacco al passaggio dell’aria. Si rendono così conto se la carica è troppo sciolta (nel qual caso basta un altro colpo di pollice) o troppo serrata (si rimuove il tabacco con l’ago del curapipe). La carica deve tener conto del taglio e dello stato di umidità del trinciato. Tabacchi secchi e di taglio grosso si possono pigiare senza preoccupazione; al contrario, i sottili e gli umidi vanno tenuti leggeri, altrimenti si impastano. I trinciati a fette e a rondelle devono essere preventivamente sciolti fra le mani; si tenga anche conto che in genere sono più umidi. Ai principianti è consigliabile una carica non troppo serrata; a patto però che poi non tirino come i mantici.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *