Calore

calore
Fonte immagine: internet.

Per il calore si veda quanto detto alla voce “bruciata”. Una pipa che scotta al punto da non poterla tenere in mano è in pericolo; e un fumo troppo caldo mette in pericolo la lingua. Il nemico principale del fumo, della lingua, della pipa, è il surriscaldamento. Regoletta empirica utile soprattutto in fase di rodaggio: stringere con una certa forza la pipa e contare, lentamente, fino a sei; se non si resiste, interrompere per un po’ la fumata e riprenderla dopo una decina di secondi a ritmo di boccate rallentato. Il buon calore di una pipa fumata in una sera invernale è piacevolissimo. All’interno del fornello di una pipa accesa si arriva a 800-900 gradi.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *