Buste

buste
Nell’immagine alcune buste di tabacco da pipa.

Bustine per tabacco da pipa. Oggi la maggior parte dei trinciati è venduta in buste di vari materiali plastici, a volte metanizzati, spesso sigillati in modo da garantire la tenuta stagna. Sono comode anche da portare in giro, se si accettano gli inconvenienti inevitabili, per esempio lo sbriciolamento, cosa che del resto può capitare anche con le buste di pelle o altro che sono numerose in commercio. C’era una volta la borsa del tabacco (e la leggenda vuole che le migliori fossero fatte con scroto di toro da compattimento); oggi ci sono le buste di pelle, di gomma, di cuoio, di tessuti variamente impermeabilizzati, di plastica, a sacchetto, a portafoglio, rettangolari o quadrate, con cerniere, bottoni, chiusure a scatto, nastro adesivo e così via. Passata l’epoca del rivestimento interno di vescica di porco, oggi l’importante è che la busta sia rivestita di un materiale neutro, impermeabile, inodore, che non si alteri per il freddo, il caldo, l’umidità. Le buste che si ripiegano offrono maggiore sicurezza, in ogni caso è sempre bene portarsi in tasca non più della “razione” giornaliera di tabacco.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *