Bang

bang
Nell’immagine alcune pipe danesi Bang.

Bang è un marchio di pipe artigianali danesi. Nel laboratorio di Copenhagen, fondato da Sven Bang, lavorano Per Hansen e Ulf Noltensmeier. La produzione, limitata, è quasi tutta esportata (i danesi sono buoni fumatori di pipa, ma non cercano il gioiello), oltre che nel nostro Paese, in Germania e in Giappone. Il prezzo è relativamente elevato, in proporzione però con l’alta qualità della pipa e l’indubbia individualità della modellistica.

INTEGRAZIONE (fonte: Smoking n°1, marzo 1979)

Il laboratorio delle pipe Bang è stato fondato nel 1968 in un piccolo locale dietro il negozio di pipe e di tabacco allora condotto dal Sig. Svend Bang. L’inizio fu modesto — un artigiano lavorava a mano le pipe di una qualità abbastanza buona, in più eseguiva delle riparazioni al servizio dei clienti. Già a quel livello Svend Bang aveva capito che le sue pipe sarebbero state in grado di concorrere con quelle danesi che si erano gradualmente diffuse un paio di anni dopo la guerra. Un alto grado di abilità e di «Design» deve essere l’ultima mira. Questo obiettivo fu raggiunto solo all’entrata nella ditta di Per Hansen, avvenuta nel 1970, mediante un cambiamento completo della produzione. Il piccolo locale divenne troppo piccolo e l’azienda traslocò in locali più grandi nelle vicinanze. Successivamente anche questi locali divennero troppo piccoli e nel 1976 si rese necessario un altro trasferimento, nell’attuale edificio che ospita anche il magazzino all’ingrosso. Contemporaneamente il negozio al dettaglio fu venduto. Durante questi anni il numero degli artigiani crebbe e la famiglia fu raggiunta prima da Ulf Noltensmeier e successivamente da Jan Windelv. Queste tre persone costituiscono attualmente l’intero «staff» dell’impresa e da loro nascono le 1.000 pipe Bang che annualmente vengono prodotte. Ciascun artigiano è responsabile della propria produzione. Ogni pipa Bang è fatta a mano dalla prima all’ultima operazione. L’artigiano comincia col selezionare l’abbozzo dalla migliore radica. La forma di questo abbozzo e l’indirizzo che prendono le venature della radica decideranno il «design» che risulterà alla fine. Finché non saranno stati messi a punto tutti i dettagli del «design», non sarà scavato il fornello né forato il cannello. Il bocchino riceve il medesimo accurato trattamento, perché la riuscita estetica della pipa dipende dalla perfetta armonia fra la testa, il cannello e l’imboccatura. Inutile dire che il bocchino viene tagliato nella migliore qualità di vulcanite. Il risultato finale è un esemplare unico di un moderno lavoro manuale, il che significa che non esistono due pipe Bang uguali. Il principio di assoluta libertà sulla quale l’impresa Bang è fondata, rende unica questa ditta fra tutte le danesi. Qui ogni artigiano ha l’opportunità di sviluppare il proprio talento artistico al più alto grado possibile e allo stesso tempo viene lasciato spazio ad una sana competizione fra i tre artisti che lavorano insieme in un’atmosfera amichevole e ispirata. Durante questi anni i creatori delle pipe Bang hanno trasfuso la loro personalità di artigiani ed artisti nella produzione, migliorandola a tal punto che sarà difficile, per non dire impossibile, che una persona estranea possa integrarsi nell’ambiente e assorbire lo spirito che vi domina. Pertanto, una espansione della produzione oltre le attuali 1.000 pipe, le quali non possono neanche lontanamente soddisfare la richiesta, in questa situazione, non è praticamente prevedibile.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario
Un commento

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *