Argilla

argilla
Nell’immagine una pipa d’argilla.

La pipa di argilla era molto popolare e diffusa tra la metà del ’600 e la metà del ’700, chiamata anche impropriamente “di gesso”. E’ stata la prima pipa di grande diffusione e se ne contendono la paternità inglesi e olandesi. Quelle fatte nella città di Gouda in Olanda hanno raggiunto la maggiore notorietà. Erano normalmente bianche (ma in qualche caso potevano essere verniciate o colorate), spesso con un lungo cannello semicurvo. L’argilla, modellata e cotta, ha il vantaggio di un grande potere assorbente. La fragilità ha lentamente condannato queste pipe, che tuttavia si fabbricano ancora oggi, specialmente in Olanda. Anche in Francia (famosa la Gambier) e in Italia (a Bassano) ci sono stati buoni centri di produzione. Rispetto alla radica, la pipa d’argilla è più aspra e inacidisce facilmente.

Condividi:

« Torna all'indice del glossario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *