Le Capostipiti Formali a Somma Zero (parte 1)

capostipiti formaliUna doverosa premessa: quanto segue è un gioco. Il gioco è quello di immaginarsi, tra design e modellismo, 13 pipe – le cosiddette “Capostipiti Formali” – che rappresentino altrettanti simboli. Suddetti simboli sono stati anzitempo proposti, in ottave, dall’amico Paolo nel forum il Ritrovo Toscano della Pipa che io stesso frequento volentieri. Riporto qui quanto ho già pubblicato in quel sito in modo da portare avanti il mio lavoro – anzi, il mio gioco – di pari passo tra forum e blog.

Le Capostipiti Formali a Somma Zero – Liberamente ispirato ai versi dell’amico Paolo l’Autore enuncia il metodo ed immagina 13 pipe per 13 simboli.
1 – Introduzione

Ogni gioco ha le sue regole. Nel tentativo di dare forma alle 13 Capostipiti Formali tratteggiate in versi dall’amico Paolo – ivi compresa la loro simbologia – e non essendo l’Autore del presente progetto d’animo particolarmente artistico, ha preferito aiutarsi predisponendo anzitempo una scacchiera ed un metodo di lavoro (o regolamento del gioco), all’interno dei quali sviluppare le proprie ipotesi creative.

2 – Caratteristiche fondamentali delle pipe

L’Autore considererà determinanti otto caratteristiche delle pipe raggruppate a due a due in quattro riquadri suddivisi nel seguente modo:

Primo riquadro – aspetto della pipa. La pipa può essere: dritta / semi curva / curva. Ed inoltre: asimmetrica con più cannello / simmetrica / asimmetrica con più bocchino.

Capostipiti Formali a Somma Zero - Primo riquadroSecondo riquadro – estetica della pipa. La pipa può essere: corta / media / lunga. Ed inoltre: massiccia / proporzionata / esile.

Capostipiti Formali a Somma Zero - Secondo riquadroTerzo riquadro – interno del fornello. Il fornello internamente può essere: conico / cilindrico / ovale. Ed inoltre: sviluppato in verticale / tendenzialmente quadro / sviluppato in orizzontale.

Capostipiti Formali a Somma Zero - Terzo riquadroQuarto riquadro: esterno del fornello. Il fornello esternamente può essere: conico-svasato / cilindrico-lineare / sferico-rotondo. Ed inoltre: massiccio / proporzionato / esile.

Capostipiti Formali a Somma Zero - Quarto riquadro

Ovviamente l’Autore non ha la pretesa di poter riassumere con quattro riquadri (che poi saranno pure messi in croce – letteralmente! -), in modo completo le infinite sfumature e caratteristiche che fanno di una pipa l’oggetto del nostro desiderio o del nostro affetto immutato negli anni. Non vengono presi in considerazione, ad esempio, i vari finissaggi estetici delle pipe (fiammature, sabbiature, rusticature, ecc…) oppure l’aggiunta di vere ed inserti vari. Tuttavia, le otto caratteristiche prese qui in considerazione, paiono a chi ha realizzato questo progetto quelle più importanti o, quantomeno, più fondamentali di altre nel tentativo di immaginare 13 pipe ex-novo per 13 simboli eterei. Ma andiamo avanti…

3 – Assemblaggio della scacchiera ed assegnazione dei valori numerici

I quattro riquadri sopra descritti a questo punto vengono assemblati in un’unica scacchiera teorico-funzionale come segue nell’immagine sottostante e vengono assegnati alle singole celle dei valori numerici seguendo questo metodo consecutivo:

  • viene attribuito valore zero alle quattro intersezioni mediane di ogni singolo riquadro (vedi colore grigio);
  • viene attribuito valore +1 e -1 alle sedici intersezioni verticali ed orizzontali (vedi colore azzurro);
  • viene attribuito valore -2 (somma di due -1) alle quattro celle adiacenti (colore verde scuro);
  • viene attribuito valore +2 (somma di due +1) alle quattro celle adiacenti (colore rosso intenso)

Capostipiti Formali a Somma Zero - Scacchiera completaGiunti a questo punto la nostra scacchiera o, meglio ancora, il nostro campo da gioco “universale” finalmente è pronto e non rimane che andare, tra ancora un po’ di teoria e qualche esempio pratico, ad enunciare l’unica regola (o metodo) che adotterà l’Autore nel tentativo di traslitterare le ottave dell’amico Paolo… in fumabilissime pipe!

Alla prossima puntata!

 

Condividi:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *